Informazioni personali

La mia foto
I'm experiencing my first time alone and abroad, being an au-pair in Finland. I write about my finnish life, cultural differences and sometimes about my idea of style.

lunedì 17 settembre 2012

Mal di Mare... Baltico // TALLINN




Tornata a casa dalla mia vacanza, tempo pochi giorni e mi son ritrovata a corto di soldi, perciò mi son catapultata a fare la barista ai piedi delle Valle d'Aosta, impedendomi di scrivere un post sulla mia vacanza.



Nell'ultimo post, ho scritto che non avrei saputo cosa mettere in valigia, e il consiglio più grande è stato quello di portarmi dell'Autan, contro le zanzare!
Ryanair me lo avrebbe fatto buttare, penso. E non mi è servito, per fortuna.

Comunque son stata troppo ottimista, e tante magliette o canottiere non le ho potute mettere: il picco massimo l'abbiamo raggiunto a Helsinki, in uno dei suoi RARI giorni di sole (nonostante il meteo ci avesse segnalato temporale), con 25 gradi. 

Il minimo a Tallinn, con 7-8 gradi, la mattina del ritorno.

Quindi: felpa, blazer e jeans sono stati utilissimi! Ho comprato anche un maglioncino (ciò che ho preso lo posterò in seguito!) da Lindex, questa catena in franchising low cost, tipo H&M, che in Italia non abbiamo.

Ad ogni modo: entrambe le città fantastiche. 
Diverse, anche se a dividerle c'è solo -si fa per dire- il mare (con una traversata di due ore).


Tallinn è magnifica: appena approdati in terra estone, abbiam subito notato una città con una periferia in cui il tempo sembra essersi fermato.
Case in legno, alcune con le finestre sprangate e il tetto crollato, altre, sempre in legno, ma colorato, quasi per dargli un'aria più "dignitosa".
Quelle zone un pò trascurate, un pò "da ghetto", in realtà erano poesia, ed essenza di un paese che, pur non essendo sempre stato ricco, è diventato ancora più povero per ottenere l'indipendenza dall'URRS, tra gli anni '80 e '90 del secolo scorso.

Aneddoto superficiale: l'arrivo in aeroporto ha portato me e Gege direttamente a guardare il prezzo delle sigarette (come facciamo sempre andando all'estero), il quale pacchetto da venti costa solo 2 euro e cinquanta (Marlboro a 3 euro).
Ci guardiamo, scoppiamo a ridere e ci abbracciamo, il tutto davanti alla commessa, che ci sorride e chiede quanti pacchetti ne vogliamo.
Io fumo tabacco da un anno proprio per risparmiare soldi e anche un pò di salute (sono molto spesso pigra, e non ho molta voglia di far su, quindi fumo molto meno), ma in Estonia ho fatto un minimo di scorta.


Prezzo delle stecche di sigarette.

Appena si arriva in centro si nota la modernità dei palazzi, dei nuovi centri commerciali, perfettamente in stile europeo contemporaneo.
E poi il centro storico, medievale, dal tipico stampo nordico.
Il porto collega facilmente la capitale dell'Estonia a città scandinave come Helsinki e Stoccolma, ma anche San Pietroburgo. 



I prezzi per un turista squattrinato come me, sono supermegaultra-accessibili: colazione composta da ciambella+succo per UN EURO.
Super-pranzo in ristorante con cucina tipica estone, centro città antica, a base di tagliere con formaggi locali e confettura di mirtilli (tipico al nord), senape piccantissima e salsa tipo ketchup (con tanto di assaggio iniziale a base di pane con pezzetti di salmone affumicato e burro), e mega vassoio -per due- con salsicce tipiche, crauti e cipolle (di tipica influenza tedesca), più una mezza naturale e una media rossa, alla modica cifra di meno di venti euro a testa.
Cena ad un sushi bar, per meno di dieci euro. Anche fare compere al supermarket è economico. I reparti più forniti rimangono quelli degli alcolici, a prezzi stracciati (i racconti sui rapporti dei nordeuropei con l'alcool ve li risparmio... Vi dico solo che fanno colazione con la birra, e a merenda bevono vodkalemon in lattina).

E poi io viaggio perché mi piace scoprire come vivono all'estero, e immedesimarmi.
Pertanto cerco di osservare come si vestono, come portano i capelli e quale trucco usano, la musica che ascoltano e altre stronzate simili.

Noto che la stragrande maggioranza delle ragazze estoni ha fisici perfetti, visi bellissimi e un gusto per quanto riguarda la moda che è rimasto un pò indietro negli anni.
Non essendo ricchi, immagino non diano troppo peso alla moda, ma in alcuni casi ho notato che l'attuale tendenza di vestire con gli shorts, collant bucherellati apposta e Creepers, si è impossessata anche dell'Estonia.

Centro di Tallinn
 








Tagliere di formaggi 
Vassoio di salsicce tipiche (quelle nere mi inquietavano!)



Le case del "ghetto" di cui mi sono innamorata



E io che credevo di vedere tutte ragazze vestite come Kerti P., una delle mie blogger preferite, cittadina di Tartu, seconda città più importante e densamente popolata dell'Estonia.

La sera del 25 agosto Lady Gaga avrebbe suonato in un parco di Tallinn, e il prezzo del biglietto era 50 euro, cosa che in Italia sarebbe stata impossibile. Detto ciò, non avrei avuto la minima intenzione di spenderli per sentirla, però ho riflettuto a lungo, dicendomi "Chissà quanta gente ci sarà andata, per così poco??".

Beh, data la comodità di poter raggiungere Helsinki, s'era deciso di prendere il traghetto. Il prezzo del biglietto variava a seconda dell'orario di partenza.
La partenza l'avevamo fissata per le 7 del mattino di domenica 26 agosto, di modo che avremmo speso solo 20 euro per andare (e 30 per tornare).
Il problema era il check-in: da fare 20 minuti prima dell'apertura del gate.
Insomma, per arrivare al Terminal D e riuscire a prendere il traghetto, avremmo dovuto svegliarci alle 4,30 per esser pronti alle 5,30.
Questi calcoli sull'orario son stati fatti all'1,30 del mattino del 26, e calcolando la distanza dall'ostello al Terminal D, non ce l'avremmo mai fatta ad arrivare. 
L'unica soluzione era prenotare un taxi.
Gege non aveva mai chiamato un taxi nemmeno in Italia, e s'è ritrovato all'una di notte a chiamarlo in Estonia e a prenotarlo in inglese, sperando di essersi espresso in modo adeguato, altrimenti avremmo fallito.

Dopo pochissime ore di sonno ci siamo svegliati e preparati per salire sul taxi, che è arrivato puntualissimo davanti davanti all'ostello, pronto a caricarci alla volta del porto.
Così abbiamo avuto modo di fare un po' di conversazione, per saperne di più.
Abbiamo scoperto che Tallinn è tutt'ora una città piuttosto povera; persino il concerto di Lady Gaga per 50 euro era una spesa inaccessibile per la classe media, e che l'estone medio non si può permettere la traversata verso Helsinki, se non dopo mesi di risparmio.
Quella mattina c'era la nebbia sulla strada, e ci ha detto che lì non è un fenomeno frequente. Abbiam risposto che da dove veniamo noi, tutto l'autunno e l'inverno è nebbioso, ed è causa di tanti incidenti.
In meno di dieci minuti eravamo arrivati al porto, abbiam pagato e ringraziato di cuore il simpatico taxista, che ci ha chiesto appena dieci euro per la corsa di dieci chilometri.

E così prendiamo i biglietti, nell'attesa avvistiamo due poltrone vibro-massaggianti e ci catapultiamo su di esse.
Poi saliamo sulla Tallink Superstar, il traghetto che in due ore ci porterà a Helsinki, e finalmente ci rilassiamo, facendo colazione seduti al tavolino che da sulla prua della nave.
Gege si offre di andare a prendere la colazione, e torna al tavolo leggermente stordito dalla colazione tipo di alcuni passeggeri: birra + birra + birra, alle sette del mattino.


Poi un giro al supermarket, dove la sua metà è occupata totalmente da alcolici e superalcolici, e i cartelloni pubblicitari hanno tutti la scritta: COMPRA 5 CASSE DI BIRRA (24 birre per cassa) PER 20 EURO! 
E la maggior parte dei passeggeri era lì SOLO per fare spese in grande, sia di alcolici che di sigarette.
La mia intuizione è stata che: essendo la Finlandia un paese molto caro, i suoi abitanti preferiscono fare colletta e pagare il traghetto ad un tizio designato, arrivare in Estonia dove tutto costa meno, e fare scorte in grande di bere e sigarette.




Uggiosa Tallinn


Due pennuti a confronto









Alla partenza, allontanandoci dal porto di Tallinn, vediamo la città avvolta nell nebbia, un po' uggiosa, e arriviamo a largo, dove il sole risplende e scalda, alla volta della Finlandia.

Oltre al vetro della Tallink Superstar, Helsinki.


3 commenti:

Siboney2046 ha detto...

Io penso che l'immedesimazione, come fai tu, sia il vero spirito del turista, anzi, del viaggiatore.

MoNa ha detto...

bellissime le foto ^^
bellisssimo il viaggio .. beata te ..

ZxM Style-Squared ha detto...

Amazing! All of it!!!;)
Xx


Ps. Let us know if you would like to follow each other

Xoxo